Terapia difficile? Parlane con il medico

By Arianna Casali 3 years agoNo Comments
Home  >  Approfondimenti  >  Terapia difficile? Parlane con il medico

Terapia difficile? Parlane con il medico

Ipertensione: una terapia semplice è più efficace

Ipertensione: una terapia “semplice” è più efficace

La prospettiva di dover prendere farmaci ogni giorno, e per un lungo periodo, può davvero mettere in crisi molti pazienti. Tanto da compromettere spesso il buon esito delle terapie: di tutti gli ipertesi che hanno ricevuto una prescrizione di farmaci anti-ipertensivi, infatti quasi la metà ne interrompe volontariamente l’assunzione entro solo un anno [1].

Semplice dimenticanza, svogliatezza oppure paura di ipotetici effetti collaterali dei farmaci nel lungo termine? In realtà, sono tante le cause della scarsa aderenza alle terapie anti-ipertensive, ancora oggi così diffusa  tra gli ipertesi.

Eppure le evidenze raccolte dagli esperti parlano chiaro: l’assunzione corretta dei medicinali, con il rispetto di dosi e frequenza raccomandate del medico, è la strategia più efficace per abbassare la pressione arteriosa e per allontanare, di pari passo, gli altri fattori di rischio cardiovascolare. E anche la più sicura per la salute, dato che gli attuali farmaci anti-ipertesivi riducono fino al 30% il rischio di ictus e fino al 15% quello di infarto del miocardio [2].

Di contro, fare pasticci con le terapie non porta a nulla di buono. Correre ‘ai ripari’ prendendosi una doppia dose quando ci si è dimenticati una pillola oppure riadattare ‘alla giornata’ gli orari di assunzione in base ai propri impegni può seriamente compromettere l’efficacia dei farmaci stessi. La scarsa aderenza, infatti, è stata associata non solo a un peggiore controllo delle pressione ma anche a un maggior rischio di ospedalizzazione o riospedalizzazione nel tempo [2].

Terapia semplice per l'ipertensioneUna terapia semplice è più efficace: parlane col medico

Ma la colpa non è solo degli ipertesi. Studi recenti, infatti, hanno messo in luce che tanto più una terapia è complessa e minore è la probabilità che i pazienti riescano davvero a seguirla correttamente. Infatti, se l’80% degli ipertesi osserva di buon grado l’assunzione di una sola pillola al giorno, sono solo il 50% quelli che riescono a stare dietro a terapie con quattro o più farmaci e orari di assunzione quotidiani [3]. Oggi la tendenza, quindi, è quella di semplificare, quando possibile, le terapie anti-ipertensive per renderle più ‘a misura’ del paziente e dei suoi impegni quotidiani [2].

A questo scopo, instaurare un buon rapporto con il proprio medico curante è fondamentale.

E’ importante condividere con il medico [2]:

  • dubbi sull’efficacia dei farmaci prescritti
  • timori sugli effetti collaterali delle terapie
  • se si assumono altre terapie
  • quando si preferisce assumere i farmaci in base ai propri impegni
  • il tipo di attività quotidiane svolte (lavoro fuori casa, viaggi, ecc)
  • se famigliari/parenti possono aiutarci a rispettare le terapie

Terapia su misuraPer una terapia ‘su misura’ può essere utile anche riportare su un diario il numero di dosi saltate o prese a orari sbagliati: in questo modo, durante la visita di controllo, sarà più facile valutare le difficoltà di aderire correttamente alla terapia prescritta e, se possibile, modificarla a un regime più facilmente gestibile.

 


Fonti:

1) Linee guida 2013 ESH/ESC, Supplemento Ipertensione e Prevenzione cardiovascolare. Aprile-Settembre 2013, Vol.20

2) T. Brown, J. K. Bussell. Medication Adherence: WHO Cares? Mayo Clin Proc. 2011;86(4):304-314

3) JJ Gascón et al. Why hypertensive patients do not comply with the treatment Family Practice Vol. 21, No.

Category:
  Approfondimenti

Leave a Reply